La placca dentale è un deposito batterico e proteico che aderisce fortemente alle superfici di denti, mucose e restauri protesici.

Dove e perché si deposita la placca

Spesso la mancanza di una corretta igiene orale, favorisce il suo insorgere. La placca dentale, si presenta come una sostanza molle e biancastra, solchi, zone in prossimità dei denti e tasche parodontali, sono particolarmente a rischio di depositi progressivi di placca.

Conseguenze della placca dentale

L’accumulo di placca produce, negli starti più profondi, un ambiente privo di ossigeno. La conseguenza è una maggiore acidificazione e un abbassamento del PH salivare. Dando inizio così, alla fase di demineralizzazione dello smalto, maggior responsabile dello sviluppo della carie dentale.

Eccessivo accumulo di placca

Con l’eccessivo accumulo lungo il margine gengivale, si provoca un processo infiammatorio, contrastato inizialmente dai sistemi di difesa immunitaria locale, al fine di impedire la colonizzazione batterica nel solco gengivale.

Placca e gengivite

In mancanza di una corretta igiene orale, domiciliare e professionale, aumenta l’aggressione dei batteri fino a rendere inefficaci le difese immunitarie determinando così l’insorgenza di gengivite.

Segni clinici della gengivite

Gengive gonfie,  rosse, doloranti e sanguinolente.

Questa patologia se curata regredisce senza esiti negativi, ma se in questa fase la placca batterica continua a non essere rimossa con ulteriore accumulo, può progredire in forme molto gravi ovvero nelle PARODONTOPATIE (patologia cronica).

Progressione dell’infiammazione

L’infiammazione può arrivare ad interessare, oltre alle gengive anche i legamenti parodontali provocandone la rottura e di conseguenza la formazione di tasche gengivali.

Ed è in questa fase che sia per meccanismi autoimmuni che infiammatori si determina il riassorbimento osseo fino ad arrivare alla mobilità degli elementi dentali.

Profilassi della gengivite

La necessità di un’efficace profilassi della gengivite è quindi estremamente importante.
I richiami di Igiene orale professionale non sono standardizzati, possono variare dai 3-4-6 mesi, in base ai bisogni riscontrati in poltrona e personalizzati alla singola persona.

Conclusione

Basterebbe così poco per prevenire spazzolino, scovolino/filo ed Igienista Dentale.